www.gmail.com – 4 metodi per avere accesso alla tua casella Gmail più velocemente nel 2019

Pubblicato da Christin il febbraio 7, 2019

Ogni giorno, quasi 300.000 utenti effettuano la ricerca: “www.gmail.con” su Google per avere accesso alla loro casella di posta elettronica

Se consideriamo che la velocità media di digitazione sulla tastiera del computer è circa 330 caratteri al minuto (o CPM), questo significa che vengono spese nel mondo circa 15 ore al giorno solamente per questo scopo. Una quantità di tempo enorme, che tra l’altro non include il caricamento della pagina, spesso ridondante ed eccessivamente lungo.

Non basta: entrare in Gmail per aprire Google Drive richiede una navigazione aggiuntiva di ben 4 pagine, tra cui quella iniziale di ricerca di Google, la pagina risultati, e il login Gmail. E non è ancora finita: una volta entrati, bisogna trovare Google Drive ed eseguire una seconda serie di ricerche. Farlo diverse volte al giorno è veramente stancante, e, se si considera che esistono alternative migliori, si rivela un vero e proprio spreco di tempo.

In questo articolo illustriamo 4 metodi per ridurre drasticamente (se non eliminare del tutto) la necessità di digitare la query: “www.gmail.com” sul pc per accedere al proprio account Gmail. Possono essere usati da chiunque, anche con chi è alle prime armi col web o la posta elettronica.

Sono tutti e quanti metodi sicuri che garantiscono un accesso rapido esattamente come inserire manualmente: “www.gmail.com” e cliccare sul link.

4 metodi per accedere a Gmail senza dover effettuare una ricerca su Google

Metodo 1: usare un client di posta elettronica

Un’applicazione desktop resta la migliore soluzione per chi deve controllare la posta elettronica parecchie volte al giorno, o non ha familiarità con le soluzioni tipo webmail.Si evita infatti di dover aprire ogni volta il browser e ripetere le operazioni che abbiamo descritto sopra. Il controllo della posta viene effettuato dall’applicazione. Oltre a portare Gmail direttamente nel computer, questa tipologia di prodotti offrono una vasta serie di funzioni per aumentare la produttività e migliorare l’esperienza utente. A questo link troverai l’elenco delle applicazioni più popolari di posta elettronica per Mac, Windows e Linux.

Per esempio, Mailbird consente agli utenti di gestire account Gmail multipli da una finestra e perfino una casella di posta elettronica unificata – cosa che non è possibile fare dalla pagina web Gmail. Questa soluzione si rivela quindi particolarmente efficace per chi deve lavorare con diversi account di posta elettronica.

www.gmail.com
Inbox Mailbird unificata con indicatori di colore

Un altro vantaggio di questi prodotti è che in genere non richiedono una connessione internet affidabile o permanente per il controllo della posta. Questo compito viene eseguito dall’applicazione sincronizzandosi periodicamente col tuo account in maniera simile al meccanismo di immagazzinamento dei dati su di un cloud. In altre parole, per accedere al server del provider di posta elettronica il client memorizza e utilizza le tue credenziali o “token” di accesso (una stringa di sicurezza numerica utilizzata per la verifica dell’identità digitale), preleva la posta e poi spedisce tutte le email che sono state scritte offline dalla tastiera del pc.

E non è tutto

Vi sono altri modi per controllare i propri account Gmail, tra cui le estensioni dei browser (trovi maggiori informazioni qui), anche se utilizzare un client desktop resta la modalità di accesso più comune (e comunque migliore che digitare: “www.gmail.com”).

Gestisci tutta la tua posta elettronica su gmail con Mailbird. Fai subito una prova gratis.

Scarica Mailbird gratis

Metodo 2: digitare solamente “Gmail.com” nella barra degli indirizzi

Soprattutto per coloro che sono nuovi all’uso di internet, può sembrare sorprendente sapere che in genere non è necessario includere il fastidioso “www” quando si digita l’indirizzo di un sito web.

Oggi, la stragrande maggioranza degli indirizzi dei siti prevede sia la variante con “www” che quella senza. In genere, lo si fa perché i titolari inseriscono un reindirizzamento alla versione preferita. Per questo motivo non è inusuale quando si clicca su una pagina con indirizzo del tipo “www” essere portati su una pagina senza le tre w.

Questo non significa essere finiti sulla pagina sbagliata, o che si è verificato un errore. Semplicemente, il sito web consultato è configurato per reindirizzare gli utenti a una o l’altra delle due versioni – con o senza “www”. All’atto pratico, non c’è alcuna differenza.

www.gmail.com
Connessione sicura https per www.gmail.com

Vale anche la pena sottolineare che molti siti web hanno cominciato a utilizzare un protocollo più sicuro al fine di proteggere gli utenti e le pagine che comincia con “https”. In sostanza, questo indica che la connessione tra l’utente e il sito è sicura, e non c’è motivo di preoccuparsi. Nell’altro caso vale il contrario. Bisogna infatti sempre prestare molta attenzione a inserire o fornire informazioni o a effettuare il login su siti senza https, in quanto la connessione non è criptata.

Metodo 3: mettere un segnalibro su: “www.gmail.com”

Probabilmente il metodo più popolare di accedere rapidamente a Gmail, i segnalibri sono un ottimo modo per gli utenti di raggiungere con un solo clic i loro siti preferiti. Restano nel browser e possono addirittura essere sincronizzati attraverso i dispositivi che utilizzano lo stesso account per la navigazione.

Si può mettere un segnalibro alla propria casella Gmail semplicemente facendo il login e poi inserendolo alla pagina relativa. L’operazione può essere eseguita addirittura per singoli messaggi nel caso si desideri fare riferimento ad essi in un secondo momento.

gmail bookmark message
Aggiungere un segnalibro a un messaggio di posta elettronica su Chrome. Fonte: Techf5.com

Metodo 4: applicazioni dei browser

Chrome in particolare ha una miriade di applicazioni, inclusa una per Gmail, che consentono di gestire un account di posta elettronica al di fuori del browser allo stesso modo e con la stessa facilità e velocità di un’app per smartphone.

Quella per Gmail funziona più o meno come un segnalibro. La differenza è che, essendo una vera e propria applicazione, offre delle configurazioni di default come l’apertura in una nuova finestra o la vista a schermo intero.

Chrome Browser Apps
Applicazione per browser di Chrome

Per avere maggiori informazioni su questo tipo di app, basta cliccare sul menu opzioni o di configurazione del browser, dove dovrebbero essere immediatamente disponibili. In alternativa, si può utilizzare qualsiasi motore di ricerca.

Almeno uno di questi 4 metodi dovrebbe rivelarsi utile per risparmiare il tempo perso giornalmente dietro la posta elettronica. Vediamo brevemente le ragioni per cui vale la pena provare:

Perché digitare: “www.gmail.com” nel proprio motore di ricerca non è il modo migliore di procedere

È una perdita di tempo

Anche se non si arriva a sprecare 15 ore al giorno, questo sistema può diventare una grossa seccatura se si devono gestire account di posta elettronica multipla. Per esempio, chi lavora da remoto per fare marketing per una società ha in genere due caselle di posta, una personale e una ufficiale della società. Il tempo che si perde solamente a fare il login e il logout manuale da una casella all’altra potrebbe essere impiegato in maniera molto più proficua dedicandosi a compiti più importanti. Se si trova un modo alternativo alla digitazione nel browser di numerosi e odiosi “www” al giorno, perchè non utilizzarlo?

Espone a annunci pubblicitari indesiderati

google search ad
Un annuncio pubblicitario Google Ad mostrato assieme ai risultati di ricerca per gmail

I risultati di ricerca vengono in genere forniti assieme a degli annunci pubblicitari. Ogni volta che si esegue una ricerca su Google, ci si espone quindi a della pubblicità targettizzata su quello che si sta esattamente cercando, che può addirittura venire integrata nei propri account personali per i social media. Ma l’intenzione dell’utente è solamente quella di controllare la posta, non di essere distratto da una serie di annunci senza fine e senza utilità ad ogni passo che compie!

 

Influenza negativamente l’esperienza di navigazione

Google memorizza le ricerche effettuate dagli utenti e cerca di suggerire loro dei termini basandosi su quello che regolarmente cercano, incluse le informazioni personali come l’indirizzo di casa, le password e la carta di credito, in modo da rendere più facile l’accesso ai dati personali.

Non essendo Gmail l’unico sito web che si cerca scrivendo nella query anche le “www”, si noterà che Google ripresenta sistematicamente i siti web più frequentemente visitati ogni volta che cominciamo a scrivere qualcosa nella barra di ricerca in alto. La conseguenza è che bisogna digitare almeno 4 caratteri, se non di più, prima di ottenere il primo risultato utile.

Google search auto suggest
Google suggerisce le ricerche più rilevanti quando si comincia a scrivere una stringa di ricerca

 

Perché un numero così elevato di utenti preferisce cercare: “www.gamil.com”?

Le ragioni possono essere diverse, anche se probabilmente il motivo principale è che non si riesce a capire bene la differenza tra una ricerca effettuata nell’apposita barra delle ricerche e una nella barra degli indirizzi web.

search bar vs address bar
Barra di ricerca e barra degli indirizzi

 

La barra di ricerca è sempre collocata dentro la finestra del browser ed è lì che si scrive l’espressione di ricerca.

Quelli che seguono questo modello includono, tra i tanti, Google, Bing, yahoo!, DuckDuckGo. I motori di ricerca sono sono applicazioni online e non fanno parte né del browser né del pc, anche se molti browser hanno integrazioni o preferenze per uno o più di loro. Ad esempio, Google Chrome (un browser molto popolare) è settato di default su Google.com, anche se con esso si possono utilizzare facilmente altri motori di ricerca.

Oltre alla ricerca, diversi motori includono funzionalità come la possibilità di aprire i siti web direttamente dai risultati delle ricerche e altri comandi avanzati. Tra le risorse utilizzabili per familiarizzare con le possibilità offerte dai motori di ricerca più popolari:

Operatori Google Search

Operatori Bing Search

Operatori Yahoo Search

La barra degli indirizzi è parte della finestra del browser ed esegue funzioni differenti in base a quello che vi si digita.

In genere, se manca il “www.” o “http://” davanti al testo inserito, il browser lo utilizzerà come una normale stringa di ricerca utilizzando il motore che è stato configurato dall’utente di default. Per configurarlo, basta andare nelle impostazioni del browser, o fare una veloce ricerca del tipo “motore di ricerca di default del browser*” per trovare come cambiarlo ( indipendentemente dal browser che si sta usando).

Se invece viene scritto nella barra indirizzi un sito web, ad esempio gmail.com, si viene reindirizzati direttamente al sito. Questa seconda soluzione è sicuramente la migliore, anche se si può fare ancora di meglio.

 

Sai di un modo migliore per trovare Gmail di quelli che abbiamo elencato?

Se si, ci piacerebbe conoscerlo! Condividilo con noi e i lettori utilizzando i commenti qui sotto.

Gestisci tutta la tua posta elettronica su gmail con Mailbird. Fai subito una prova gratis.

Scarica Mailbird gratis

E


Christin

Christin

PR & Media Relations Supporting the team by communicating Mailbird and its great features to existing and potential users and media.

You might also like...

ENTERPRISE

Join over 500.000+ people and businesses using Mailbird.

Unlimited email accounts. Unlimited Inboxes. Unlimited fun.

  • bbc
  • pcworld
  • cnbc
  • Product-hunt
  • itworld
  • huffington post
  • tech-crunch
  • bloomberg

Get our new blog posts send right to
your inbox and become an email expert

Subscribe to the Mailbird Blog below

Subscribe now
SaveSave

SaveSave